torna all'Home Page
   
domenica 24 settembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


Ricerca: "Big Pharma" pensa solo al profitto

Scienziati lanciano l’allarme “ricerca”: le aziende farmaceutiche, secondo loro, metterebbero il profitto dinnanzi alle scoperte scientifiche e mediche. Questo atteggiamento sarebbe la causa della cosiddetta “crisi dell’innovazione”, ritenuta tale per la presunta difficoltà nello scoprire nuove molecole o terapie, ma che invece troverebbe una ragione nel diverso e perverso modo di investire i finanziamenti, favorendo unicamente il marketing.

La denuncia è apparsa sul prestigioso BMJ, il “British Medical Journal”, a opera di due scienziati: il dottor Donald Luce, dell’University of Medicine del New Jersey e Joel Lexchin della York University di Toronto. «La situazione dello sviluppo di nuove molecole è rimasta ferma 50 anni fa – scrivono i ricercatori – Gli incentivi per lo sviluppo di farmaci sono sbagliati e hanno distorto i comportamenti all’interno del settore».

Secondo quanto denunciato, le multinazionali del farmaco investono nel marketing ben il 25% dei ricavi, contro un misero 1,3% riservato alla ricerca, «anche se l’industria sostiene che il costo di portare un nuovo farmaco sul mercato è di circa 1 miliardo di dollari», sottolineano infatti gli scienziati. «Se i costi dello sviluppo hanno avuto un sostanziale aumento tra il 1995 e il 2010, pari a 34,2 bilioni di dollari – aggiungono Luce e Lexchin – i ricavi per le società sono aumentati di 6 volte più velocemente. E le aziende evitano di menzionare questo straordinario ritorno economico».

Una situazione che dunque fa comprendere come la ricerca seria abbia davvero bisogno di incentivi. A motivo di ciò, i ricercatori chiedono alle autorità di controllo dei farmaci in tutto il mondo «di bloccare l’approvazione di nuovi farmaci di scarso valore terapeutico e offrire premi in denaro in sostituzione della copertura brevettuale solo per molecole veramente nuove».

La Stampa 09/08/2012
http://multimedia.lastampa.it/multimedia/benessere/lstp/169009/
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy