torna all'Home Page
   
domenica 24 settembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


Terapia Di Bella: se ne riparla

Il Ministro della Salute Francesco Storace poco dopo il suo insediamento aveva cercato di inserire in fascia A, cioè completamente a carico del servizio sanitario nazionale, la somatostatina, il famoso principio attivo della cura Di Bella. A un mese di distanza un giornale siciliano, il Quotidiano di Sicilia (l’unico giornale da cui è stata data la notizia), sostiene che la sperimentazione starebbe per ripartire. Il ministero della salute, sul suo sito, non ha rilasciato nessuna dichiarazione ufficiale in merito.
Il caso era stato ampiamente trattato, sia sui media che dal punto di vista medico, nei primi anni novanta per essere definitivamente chiuso nel 1998 quando, dopo un periodo di sperimentazione promossa dall’allora Ministro Rosy Bindi, fu dimostrata l’inefficacia di questa terapia.

Un elemento importante però che in medici hanno riscoperto in quell’occasione, come sostiene Guido Tuveri, presidente del Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri, è la dimensione di centralità del paziente.

Forse in passato era troppo ricorrente l’errore di anteporre la malattia al malato; Tuveri sostiene proprio che l’unico aspetto positivo di quella vicenda e, se si vuole, l’unico insegnamento che ne è stato tratto è stato di riprendere a parlare con il malato oncologico, di rimetterlo al centro della cura in quanto persona con la sua storia e il suo bagaglio di esperienza.

Al contrario Tuveri, come altri medici, continuano a essere fermamente scettici riguardo al valore scientifico della cura Di Bella. Del resto vale la pena ricordare che dei vari medici sostenitori della terapia solo uno, Mauro Todisco, ha pubblicato alcuni dei risultati del suo lavoro su riviste internazionali; gli altri non hanno mai condiviso con la comunità scientifica i dati in loro possesso.

emanuela grasso

Yahoo! Salute > Notizie > Oncologia ed Ematologia 13/06/2005
http://it.health.yahoo.net/NewsArticle.asp?a=11987&M=211%7C2%7C1
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy