torna all'Home Page
   
lunedì 11 dicembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa


Riprendere in mano la sperimentazione

Riprendere in mano la sperimentazione in un clima sereno e aperto senza le ostilità che contraddistinsero una stagione ormai passata. E' l' eventualità cui hanno fatto cenno a più riprese esponenti dei partiti di governo. L'ultimo appello è venuto ieri dal vicepresidente della Regione Lazio, Tommaso Luzzi, venuto in rappresentanza del presidente Francesco Storace. Si erano pronunciati similmente nei mesi scorsi ambienti della Lega nord mentre Isabella Bertolini e Fabio Garagnani, deputati di Forza Italia, non escludono la prospettiva di far «riconsiderare i risultati delle ricerche».
Di scritti il professor Di Bella ne ha lasciati parecchi, e dunque gli argomenti per verificare la bontà delle intuizioni sui farmaci non mancano, come auspica il figlio medico, Giuseppe Di Bella.
C'è pure altro: le disposizioni che Luigi Di Bella ha avuto modo di lasciare recentemente in un manoscritto autografo che ha valore affettivo, e non solo, per i parenti. Forse sarà reso almeno in parte di dominio pubblico. L'esistenza di questo «testamento morale», confermata ieri dal figlio Adolfo, ha un valore duplice. Da un lato perchè chiarisce i sentimenti verso i congiunti e i collaboratori, dall'altro perchè guarda al futuro: «Nelle disposizioni che ha lasciato — ha detto al Carlino il figlio Adolfo Di Bella — mio padre ha scritto cose molto belle, e pure espressioni di perdono verso chi lo aveva rinnegato».
Si era scritto che Luigi Di Bella fosse un animo nobile, che durante il ricovero in ospedale all'Estense avesse pronunciato parole di comprensione e riconciliazione verso i suoi detrattori. L'esistenza anche di uno scritto conferisce uno spessore se possibile ancora più forte a quei pensieri: «Mio padre ha ringraziato di cuore tutti quelli che lo hanno assistito ultimamente — continua il figlio — e a questo aggiungiamo noi familiari un ringraziamento doveroso al sindaco di Modena che è venuto in ospedale e alle camere ardenti e ha manifestato la sua vicinanza con spontaneità. Si è prodigato in prima persona per l'organizzazione della scorta di polizia municipale che ha accompagnato il feretro da Modena fino a Fanano. Sono cose che abbiamo tanto apprezzato».
Il pensiero del professor Di Bella continuerà a scaturire anche da pubblicazioni in cantiere: «In settembre — dice Adolfo Di Bella — uscirà un ospuscolo con una prefazione bellissima di mio padre e materiali inediti raccolti attraverso il sito internet. Lui ci ha lasciato un indirizzo culturale ben preciso».
Da segnalare che sul sito www.luigidibella.it dove si ritrovano le fonti aggiornate e più autentiche del pensiero del professore, tra le svariate testimonianze lasciate sul forum, si legge una commovente lettera del figlio Adolfo che riassume, in poesia, le drammatiche giornate trascorse in ospedale.

di Alessandro Malpelo

Il Resto del Carlino 03/07/2003
http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net/chan/29/2:4520134:/2003/07/03
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy