torna all'Home Page
   
lunedì 11 dicembre 2017
 
Il Prof. Luigi Di Bella
 
  Contiene 752 articoli  
  News  
  Rassegna stampa  
  testimonianze  
  relazioni mediche  
  Rassegna scientifica  
  Diritto e Giurisprudenza  
  Editoriale  
  dedicato a  
 
Leggi un articolo estratto a sorte
 
Glossario
Ricerca per lettera iniziale:
a - b - c - d - e - f - h - m - n - p -
t -
 
Contatti
tel: 055 7330595
fax: 055 353345
0187 563172
e-mail: atsat@mediastaff.com

Rassegna stampa

Polemico il farmacologo Garattini: "Risultati scontati, ora qualcuno paghi"
"Hanno dimostrato che gli asini non volano"

MILANO (c.br.) - "È come se la sperimentazione avesse dimostrato, alla fine, che l'asino non vola. Sarei rimasto sorpreso nello scoprire il contrario". Non contiene il sarcasmo il professor Silvio Garattini, direttore dell'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano, nel giorno della disfatta di Luigi Di Bella. Usa parole di fuoco: "Che tutto non finisca qui. Qualcuno deve pagare".

Come mai ha sempre avuto tanta sicurezza nell'opporsi al metodo Di Bella?

"Era molto inverosimile che una persona completamente isolata dal contesto scientifico fosse riuscita a trovare un rimedio utile a guarire il cento per cento dei tumori. E in più la sclerosi multipla, l'Alzheimer...".

La suggestione di massa è stata grande. Di chi è la colpa?

"I pazienti e i familiari dei pazienti tumorali sono altamente fragili. La tv e la stampa hanno costruito lo spettacolo senza il minimo senso critico. Adesso mi auguro che con altrettanta forza facciano capire alla gente che è stata soltanto un'illusione. Anche gli oncologi sono stati molto deboli, non hanno fatto sentire la loro voce. Certo era impopolare opporsi di fronte a migliaia di persone nelle piazze"

Cosa avrebbero dovuto fare gli oncologi italiani?

"Farsi sentire. Alzare la voce. Rifiutarsi di fare cose inutili".

Come si è comportato in tutta questa vicenda il governo e il ministro della Sanità?

"Il ministro è stato l'unica persona che ha mantenuto una sua linea. Si è comportato bene".

Per uno scienziato cosa è stato il caso Di Bella, un fenomeno new-age?

"Sì. Abbiamo fatto ridere il mondo. I più gentili hanno parlato della solita commedia all'italiana. È stato uno spettacolo. C'è stato perfino un partito politico che, evidentemente alla ricerca di qualche voto in più, ha invitato il figlio di Di Bella al proprio congresso nazionale, cosa che non c'entra assolutamente nulla".

Il professor Di Bella ha già annunciato per oggi una conferenza stampa nella quale denuncerà irregolarità e scorrettezze nella sperimentazione.

"Fin dal primo giorno Di Bella non ha fatto altro che ripetere che non era necessaria la sperimentazione, perché sarebbe stata fatta male, ci sarebbero stati degli imbrogli. Tutto già visto. Questo è il paese dei miracoli".

La Repubblica 29/07/1998
http://www.repubblica.it
   
  stampa quest'articolo
<<:: Pagina precedente invia l'articolo ad un amico

 

 

 

Cerca su Atsat.it


nel sito
nell'archivio articoli

Tutte le parole
Ogni parola
Frase esatta


Ultimi 5 articoli

 

 




Area Riservata
 

Newsletter A.T.S.A.T.
 

Segnala ad un amico
Nome mittente

 

Nome destinatario

 
e-mail destinatario
   
   
   
 

Risoluzione minima 800 x 600 - copyright 2002-2003 A.T.S.A.T. Onlus Firenze
web design by Mediastaff Web Solutions La Spezia in memoria di Susi

Condizioni d'utilizzo| Informativa sulla Privacy